ProCult Film Festival: il cinema romeno alla conquista dell’Italia

“Il notevole successo delle precedenti edizioni di ProCult Film Festival mostra come il cinema unisca le persone, sia una opportunità di scambio internazionale e di educazione, assuma un ruolo di cantiere aperto e utilizzi le capacità del linguaggio artistico di trasmettere significati umani profondi”, a parlare della nuova onda della cinematografia romena che rafforza i legami culturali tra i due paesi è Dana Manuela Constantinescu, l’ambasciatrice della Romania che sarà presente all’apertura dell’evento.

Giunto alla V edizione, ProCult Film Festival si svolgerà alla Casa del Cinema dal 20 al 23 novembre, l’ingresso è gratuito. L’unica rassegna di cinema romeno in Italia, organizzata dall’associazione culturale ProEvent in collaborazione con l’Ambasciata di Romania, l’Accademia di Romania e Noesis Media, propone lungometraggi, cortometraggi e documentari. L’obiettivo auspicato è di promuovere il cinema rumeno, i giovani registi e i talenti, offrire al pubblico italiano una parte dello spirito della Romania. Saranno quattordici i titoli, di nuovi film in programma, preziosissimi per i cultori dell’arte visto che molte delle pellicole sono proiettate in esclusiva.

“Un’edizione che ospiterà importanti registi come Nae Caranfil, con la presentazione in anteprima in Italia del suo ultimo film Closer to the moon, accompagnato anche dai produttori Ugo Tucci e Renata Rainieri. Ma contiamo anche sulla presenza di altri produttori e registi romeni di fama internazionale”, racconta Teodora Madasa che dirige il festival insieme a Ina Sava e Adrian Grigor. Closer to the moon, con Vera Farmiga e Mark Strong, è tra i film più attesi del concorso lungometraggi “Metamorfoze”. Descrive una spettacolare rapina in banca a Bucarest nel 1959 che manda il paese in subbuglio. Nella Romania comunista del dopoguerra, i colpevoli processati e condannati a morte – quattro uomini e una donna – nell’attesa di essere giustiziati sono costretti a re-interpretare gli stessi eventi in un film di propaganda. Regista-simbolo del cinema romeno degli anni Novanta, Nae Caranfil è conosciuto a livello internazionale per le opere Asphalt Tango, Dolce far niente e Filantropica.

ProCult Festival apre il 20 novembre con il film La limita de jos a cerului (The Unsaved), di Igor Cobileanski, interpretato da Igor Babiac. Pluripremiato in tutto il mondo, il film parla di un giovane senza grandi ambizioni, Viorel, che vive insieme alla madre spacciando la droga in una povera e sperduta città moldava. Lei lo incoraggia a cambiare la vita per salvare la donna che ama. Una storia travolgente proposta dalla Moldova nella corsa dei Premi Oscar 2015.

La prima assoluta per Vama Veche Veche, di Tudor Chirila, uno dei quattro titoli del concorso documentari “Transparente”. Il regista racconta tramite interviste a turisti il cambiamento, anno dopo anno a partire dal 1990, del villaggio turistico Vama Veche. Un altro documentario che susciterà interesse: Experimentul Bucaresti, del regista e giornalista inglese che resiede in Romania, Tom Wilson, vincitore del Premio Gogo come Miglior Documentario 2014. Dupa fel si chip (As you like it), di Paula Onet, racconta attraverso varie testimonianze, come le persone scelgano la foto per la propria tomba e si interroga su come vogliamo essere ricordati. La pellicola Romania gli anni del terrore di Umberto Rondi è dedicata ai martiri romeni sopravvissuti alle persecuzioni contro i cristiani e la Chiesa cattolica nel periodo comunista.

“Cinemagia” è il concorso di cortometraggi che raccoglie film apprezzati nei festival di tutto il mondo, come O lume noua (Un nuovo mondo) di Luiza Parvu, la storia della prima generazione di emigranti romeni verso gli Stati Uniti nel 1907, Treizeci (Trenta) di Victor Dragomir, Ela, panda si madame, di Andrei Rautu, Claudiu si crapii (Claudio e i pesci) di Andrei Tanase, che sorprenderà con un pesce dell’acquario di un supermercato che inizia a tossire.

Fanno parte della giuria: il regista Sorin Militaru, l’attrice Maria Dinulescu, la giornalista di Radio Romania Elena Postelnicu, Paolo Fallai giornalista del Corriere della Sera, conduttore televisivo e scrittore, il produttore Francesco Pamphili membro effettivo E.F.A. European Film Academy.

Raisa Ambros

Sursa: piuculture.it

Scriu despre Festivalul Procult

Procult CinemaFestival